• L’8 e il 9 marzo scenderemo in piazza in tutta Italia insieme a Non Una Di Meno, bloccheremo le lezioni, decideremo noi di cosa parlare. Lo faremo insieme tutte e tutti le/i docenti e le ricercatrici e ricercatori, a chi come noi vive ogni giorno i luoghi della formazione.
    Partiremo dalle nostre classi perché è a partire dai banchi di scuola che sviluppiamo le lenti con cui guardare il mondo, e noi il mondo non vogliamo solo guardarlo, lo vogliamo cambiare. FIRMA L’APPELLO!

    Read more
  • Memoria e impegno sono i due binari sui quali da 25 anni in decine di migliaia scendiamo in piazza, ogni 21 marzo,  insieme a Libera Contro le Mafie. Memoria e impegno, due termini che sembra guardino al passato, in una data che invece continua a guardare al futuro. Perché è del nostro futuro che si parla, quando si parla di mafia. È il nostro futuro ad essere in gioco, quando lo strapotere di pochi continua a crescere. Verso il prossimo 21 marzo, che ci vedrà scendere in piazza da tutta Italia a Palermo, è del nostro futuro che vogliamo parlare. Del futuro che ci viene negato, del futuro che costruiamo ogni giorno, passo dopo passo, lottando in questo presente. 

    Read more
  • Riprendiamo e diffondiamo l’appello alla mobilitazione della comunità accademica partito da studenti, docenti, ricercatori e dottorandi di Bologna, per la liberazione di Patrick Zaky e la libertà di ricerca! Invitiamo tutte e tutti a organizzare presidi, iniziative, manifestazioni di solidarietà a quanto sta avvenendo in Egitto in tutte le città italiane! Per firmare e sostenere…

    Read more
  • Sono una studentessa di Medicina e Chirurgia al quarto anno. Negli ultimi giorni ho letto sui giornali la denuncia di alcune associazioni e di oltre 50 ginecologi e dirigenti sanitari che hanno segnalato il “vincolo di obiezione di coscienza” che il Campus Biomedico, un ospedale universitario (privato ma convenzionato con il MIUR), impone ai suoi…

    Read more
  • Gli scioperi globali lanciati da Greta e portati avanti da milioni di studenti in tutto il mondo hanno scosso il sistema politico e il dibattito pubblico in tutto il mondo. Le risposte da parte della classe dirigente sono state del tutto insufficienti, come ha chiaramente detto Greta alla Cop 25 di Madrid del dicembre scorso….

    Read more
  • Gli episodi criminali che hanno aperto il 2020 a Foggia dimostrano quanto il fenomeno mafioso abbia radici profonde nella Capitanata: la condizione di povertà strutturale che contraddistingue questa terra. La povertà, materiale, culturale, sociale, è il primo terreno in cui le mafie attecchiscono.
    Senza la giustizia di fatto, e quindi quella sociale, non si potrà mai combattere la mafia. Per tagliare le radici del fenomeno criminale è necessario garantire un futuro ed un presente dignitoso ai tantissimi che riempiono quotidianamente le fila delle organizzazioni criminali. Scuole ed Università debbano essere spazi in cui costruire la società e la Puglia del futuro fatta di partecipazione, comunità solidali, consapevolezza del fenomeno mafioso e impegno.

    Read more
  • Aderiamo all’appello per lo sciopero transfemminista lanciato da Non una di meno per l’8 e il 9 marzo. A questo link si trova l’appello del movimento. Di seguito le nostre ragioni per partecipare alla mobilitazione. L’8 e il 9 marzo saremo in sciopero contro la violenza di genere che vive nelle nostre case, nelle strade…

    Read more
  • Il 3 gennaio il mondo si è svegliato con gli occhi sull’Iraq: con un raid aereo gli Stati Uniti avevano ucciso Qasem Soleimani, il generale conservatore delle milizie sciite iraniane, fulcro dell’Influenza dell’Iran in Iraq e nemico giurato degli Americani. Un’operazione bellica portata avanti da Trump senza il parere del Congresso e che ha rischiato di dare luogo ad un’escalation che avrebbe avuto effetti disastrosi. Se questa possibilità sembra forse essersi ridimensionata, questo non significa che la guerra non continui ad essere una minaccia per tutte e tutti. E soprattutto, deve spingerci a riconoscere la necessità di una presa di parola forte, di una mobilitazione di massa, popolare, che sappia connettere i popoli in lotta in ogni parte del globo per scrivere un’altra storia, per costruire un altro futuro. Il 25 gennaio torniamo in piazza in tutto il mondo!

    Read more
  • Nell’ultimo anno abbiamo visto un numero sempre maggiore di eventi climatici estremi, maggiori per numero e per violenza di questi fenomeni. Foreste millenarie hanno bruciato durante tutta l’estate, abbiamo assistito a inondazioni e allo scioglimento e la morte di grandi ghiacciai: Brasile, Nord America, Asia, Europa, nessun luogo nel mondo è al sicuro dai cambiamenti…

    Read more
  • Il 25 gennaio in tutto il mondo sarà giornata di mobilitazione internazionale contro le guerre e le dittature, a fianco dei popoli in lotta per i propri diritti. I venti di guerra che hanno accompagnato l’inizio di quest’anno non devono farci dimenticare le istanze avanzate dalle popolazioni in lotta in Medio Oriente e non solo.
    Organizziamo la solidarietà internazionale in ogni città: contattaci se vuoi partecipare o organizzare attività per il 24 e il 25 gennaio nella tua scuola, università o città!

    Read more