L’emergenza nell’emergenza – sulla situazione delle carceri in Italia

    0 Flares 0 Flares ×
    Tweet about this on Twitter0Share on Facebook0Google+0Email to someone

    Dopo le rivolte scoppiate all’interno degli istituti di detenzione è necessario compiere una riflessione su quella che oggi, aggravata dall’emergenza sanitaria, è la situazione dei detenuti nelle carceri italiane. Non doveva essere di certo un’epidemia a riattivare l’attenzione sul tema, che anzi sarebbe dovuta essere costante da parte delle istituzioni, ma dati gli sviluppi recenti è necessario avviare un progetto di proposte affinché la salute dei detenuti e del personale all’interno degli istituti venga salvaguardata, e affinché la pena vada a svolgere in sicurezza quello che è lo scopo di rieducazione e reinserimento sociale del condannato. Anche il personale  va garantito e deve essere dotato di strumenti che permettano di svolgere le attività nel rispetto delle norme igienico-sanitarie.

    In tal senso denunciamo il silenzio del ministro della giustizia Alfonso Bonafede, e del Governo in generale, il quale ha mostrato disinteresse verso la situazione dei penitenziari, non prefiggendosi lo scopo di attuare politiche relativamente al miglioramento delle condizioni del sistema carcerario tutto.
    Lo stato dell’arte è di un sovraffollamento di oltre 10.000 unità nelle carceri italiane. In una realtà come quella carceraria caratterizzata da una ristrettezza di spazi, per cui è praticamente impossibile rispettare le distanze di sicurezza minime e le condizioni igienico sanitarie idonee, il contagio potrebbe propagarsi a macchia d’olio. A questa situazione tragica si aggiunge la questione della salute dei detenuti: numerosi sono i dati che mostrano una situazione allarmante. Epatite C, HIV e tubercolosi sono alcune delle patologie più frequenti della popolazione carceraria. Il fatto che un terzo della popolazione sia straniera, per il collasso dei sistemi sanitari esteri, determina tassi di tubercolosi latenti molto più alti rispetto alla popolazione generale.
    Un altro fattore che determina un rischio molto più elevato di contagio in carcere, è il numero di tossicodipendenti, “gli ultimi dati a disposizione sono quelli del 2018 e mostrano che quell’anno i tossicodipendenti dietro le sbarre erano 16.669, il 27,94 percento dei detenuti complessivi, mentre cinque anni prima (nel 2013) erano 14879, ovvero il 23,79 percento. Numeri che potrebbero essere molto più alti, in quanto il conteggio si limita ai tossicodipendenti accertati dal sistema sanitario nazionale e non include coloro che, pur facendo uso di sostanze, non dichiarano la propria dipendenza.” Se consideriamo che nelle carceri non esistono sistemi di riduzioni del danno (da siringhe pulite ad acqua distillata), per via del presupposto erroneo che in carcere non dovrebbe circolare droga, è chiaro che l’immagine che ci si presenta è quella di una miccia pronta ad esplodere.

    Una situazione così allarmante ha delle responsabilità politiche ben precise.
    Sono anni che il discorso politico assume toni securitari, proponendo aumenti delle pene randomici e istituzioni di nuovi reati. Due misure su tutte, proposte da parti politiche diverse, ci danno l’idea della retorica su cui si è basata la politica criminale negli ultimi anno.
    Una è l’introduzione del reato di omicidio colposo stradale voluta da Renzi, che si base su una presunzione di colpa e causalità tra ebbrezza alla guida ed evento lesivo, e cosa ancor più grave introduce per un reato colposo delle sanzioni e delle pene molto più vicine a quelle di un reato doloso.
    L’altra è la previsione del carcere fino a sei anni per i percettori di reddito di cittadinanza sorpresi a svolgere un lavoro a nero. Entrambe misure che rispondono alle esigenze sociale in maniera repressiva avallando le sirene del giustizialismo, senza chiaramente risolvere le contraddizioni che stanno alla base di queste richieste di sicurezza.

    A politiche criminali di questo stampo corrispondono dati sulla popolazione carceraria italiana che ci mostrano un mosaico composto prevalentemente da poveri, tossicomani e stranieri; soggetti per cui è più difficile difendersi in un processo e che, per lo più, sono spinti a commettere crimini per necessità. A questo si aggiunge il dato che solo il 10% del totale degli incarcerati ha commesso reati di grande pericolosità sociale (omicidi, reati associativi, traffico internazionale).

    Foto Claudio Furlan – LaPresse – 08 Marzo 2020 Milano (Italia)
    News – Rivolta dei detenuti al carcere San Vittore a causa delle nuove misure per l emergenza coronavirus

    Il carcere è, quindi, un’istituzione che porta con sé gravi criticità. Le carenze del sistema carcerario italiano sono state ampiamente evidenziate dalla sentenza Torreggiani che puniva l’Italia per sovraffollamento carcerario, ma il problema risiede nell’istituzione carceraria in quanto tale. È infatti, il mezzo più lontano dalla rieducazione del condannato, così come viene prevista dall’art 27 della Costituzione che, non a caso, non parla di carcere esplicitamente ma preferisce definire le pene al plurale. Questo è esemplificato dal tasso di recidiva, che si attesta al 70%.
    E’ necessario quindi aprire un dibattito sul superamento del carcere, provando a mettere in campo degli strumenti alternativi già da subito che permettano di evitare le situazioni di questi giorni.

    Uno degli strumenti alternativi da adottare in queste settimane potrebbe essere la commutazione, per le pene di reati minori, da detenzione carceraria a detenzione domiciliare. Ciò permetterebbe da un lato di rendere la vita all’interno degli istituti più sicura, permettendo di adottare le misure sanitarie dovute e necessarie per questo periodo; dall’altro lato la detenzione domiciliare permetterebbe di svolgere una pena in sicurezza per il detenuto stesso. La pena, nella maggior parte dei casi, non deve diventare la cessazione di rapporti con l’esterno, il diritto alla sessualità e gli affetti non vengono meno per le persone detenute e devono essere il più possibile tutelati. Per questo è necessario che lo stato predisponga mezzi idonei e sicuri per permettere la comunicazione con i propri parenti dei detenuti, sicuramente in questo momento eccezionale, ma anche nelle situazione di normalità.
    L’eccezionalità della situazione richiede anche un’ eccezionalità della soluzione, per cui così come richiesto da più voci si possono immaginare misure come amnistia (l’estinzione del reato per un periodo precedente, per cui lo stato smette di perseguirlo perchè si rietene che non abbia più disvalore sociale e non necessiti di punizione), indulto (commutare parte della pena) per motivi sanitari per i reati con le pene più ridotte, e il differimento di esecuzione della pena. Anche l’Iran, paese che vive in maniera altrettanto dura la crisi sanitaria, ha predisposto la scarcerazione per chi ha una pena residua da affrontare inferiore ai cinque anni.
    Il dibattito su amnistia e indulto nel nostro paese vive, sfortunatamente, di un retaggio giustizialista che si basa sull’idea di liberare i “colpevoli” per danneggiare la società “ per bene”. È chiaro che in una situazione di questo tipo invece, l’uso di questi istituti di clemenza avrebbe un significato di tutela e di solidarietà sociale a difesa delle marginalità.

    Le 12 morti di detenuti di questi giorni e la repressione poliziesca che ne è conseguita hanno portato davanti agli occhi di tutta la realtà, sempre nascosta, del carcere, un tema che non deve più rimanere per addetti ai lavori ma su cui è necessario prendere parola tutti.

     

    PER APPROFONDIRE:

    https://lavialibera.libera.it/it-schede-54-coronavirus_il_dramma_dei_tossicodipendenti_dietro_l_assalto_alle_infermerie_delle_carceri

    https://www.altalex.com/documents/news/2016/03/07/omicidio-stradale-camere-penali-legge-repressiva-sproporzionata-e-incoerente

    https://www.quotidianosanita.it/lavoro-e-professioni/articolo.php?articolo_id=77434

     

    Tweet about this on Twitter0Share on Facebook0Google+0Email to someone

    related articles

    logoretebianco La Rete della Conoscenza è il network nazionale dei soggetti in formazione. Vi aderiscono l'Unione degli Studenti e Link - Coordinamento Universitario.

    CONTATTI

    Privacy Policy