Io, studentessa di medicina, vi dico perché è un mio diritto studiare l’aborto all’università

    0 Flares 0 Flares ×
    Tweet about this on Twitter0Share on Facebook0Google+0Email to someone

    Sono una studentessa di Medicina e Chirurgia al quarto anno.
    Negli ultimi giorni ho letto sui giornali la denuncia di alcune associazioni e di oltre 50 ginecologi e dirigenti sanitari che hanno segnalato il “vincolo di obiezione di coscienza” che il Campus Biomedico, un ospedale universitario (privato ma convenzionato con il MIUR), impone ai suoi studenti e medici, arrivando a definire nel suo statuto l’aborto come un crimine. 

    Che queste siano le “regole” delle università e degli ospedali privati del nostro Paese, è storia vecchia, non stupisce più. Così come è ormai un dato di fatto la quantità al 70%  di ginecologi obiettori di coscienza negli ospedali pubblici: sappiamo per certo che ogni docente di ginecologia che incontriamo (a meno che non espliciti il contrario) sarà parte di quelle statistiche che in Italia bloccano ancora l’accesso al diritto all’interruzione di gravidanza. 

    Le attuali generazioni di studenti di medicina e specializzandi, i miei coetanei, sono nate a conclusione di una lunghissima stagione di lotte per i diritti delle donne. Siamo cresciute in un mondo che ci diceva quanto fossimo padrone del nostro corpo, abbiamo tutte, bene o male, coscienza della possibilità di scegliere pienamente sulle nostre vite e sul nostro futuro. Se la Sanità del futuro fosse costruita da me e dalle mie colleghe, la percentuale di ginecologi obiettori di coscienza sarebbe pressoché 0. 

    E invece, l’obiezione di struttura è realtà in tanti ospedali del nostro paese; molti tra ginecologi e ginecologhe preferiscono un’obiezione di comodo che garantisce  la possibilità di fare carriera e di diversificare il proprio lavoro piuttosto che garantire una scelta libera a tante donne.
    Ci guardiamo negli occhi e ci chiediamo: ma com’è possibile che nel nostro ospedale universitario ci siano solo 2 ginecologi che applicano la legge 194? Dove “finiamo”, letteralmente, dopo la laurea, dopo la specializzazione?

    Una stortura, una contraddizione enorme, che nasce e cresce nelle nostre stesse aule di lezione. Il percorso di studi di Medicina è una specie di guerra nel costante tentativo di non cedere all’alienazione totale, mantenere quel contatto con la realtà che ci permetta di rimanere umani. Spero che i tanti, validi docenti che hanno in carico la nostra formazione non si risentano, ma ad oggi la verità è che il senso del nostro studio lo possiamo restituire solo grazie a ciò che c’è “fuori”: alle associazioni e ai movimenti che frequentiamo, scambiandoci esperienze da un continente all’altro sui social, leggendo di nuovi modi di vedere l’essere umano. 

    Pensate alle grandi conquiste sull’autodeterminazione dei corpi che cerchiamo di portare avanti con le battaglie culturali, sulla sessualità e il piacere, sull’identità di genere… Credete che abbiano spazio nei nostri programmi? Dietro le cattedre, la maggior parte delle volte, ci sono sedute quelle persone che nelle piazze noi stesse contestiamo. Io non so che destino toccherà alla generazione di medici, ma anche di ostetriche, infermieri, professionisti sanitari, che si prepara a reggere le comunità del futuro. Perché i compromessi a cui ci chiedono di scendere, tra la carriera e i nostri ideali, sono tanti. Perché ci prendono per isolamento. Perché noi un futuro più libero lo sogniamo davvero, all’autodeterminazione, alla possibilità di creare una nuova cultura, di praticarla e di insegnarla a nostra volta, ci crediamo davvero: ma c’è un blocco di potere che ha ancora in mano il nostro destino. 

    E quindi arriviamo stanche, e ci diciamo che non fa niente, non è così grave se nel programma di ginecologia di aborto non si parla, se il professore di bioetica lascia intendere altro con quel “la vita è sacra”, che in fondo sono solo pochi CFU e non è il caso di fare tante storie. Che siamo più forti noi. Che nessuno dei nostri colleghi lo prenderà come la normalità. Che arriverà il momento che potremo decidere noi.
    E invece certo che è grave. E invece è giusto che tutti sappiano, è giusto ripeterlo ogni volta che possiamo, è giusto che non sia mai la normalità. 

    Soprattutto, è giusto non essere sole a lottare. 

    Tweet about this on Twitter0Share on Facebook0Google+0Email to someone

    related articles

    logoretebianco La Rete della Conoscenza è il network nazionale dei soggetti in formazione. Vi aderiscono l'Unione degli Studenti e Link - Coordinamento Universitario.

    CONTATTI

    Privacy Policy