Contro la violenza fascista, razzista, sessista – Solidarietà alle vittime di Macerata

0 Flares 0 Flares ×
Tweet about this on Twitter0Share on Facebook0Google+0Email to someone

***In basso traduzioni in francese e spagnolo***

Quello che è successo a Macerata è intollerabile.
Pensiamo che una manifestazione, una marcia, sia dovuta e sia il minimo per condannare quello che è accaduto. Non si tratta del gesto di un folle, ma di un atto predeterminato di terrorismo fascista.
Uniamoci per dire che non ci stiamo. Siamo esseri umani e siamo contro ogni tipo di fascismo, razzismo e sessismo.
Restiamo umani!
Il 10 febbraio collettivi, associazioni e singoli organizzeranno una manifestazione a Macerata, vogliamo chiamare ad una risposta corale anche la città di Milano.

Le associazioni interessate possono aderire attraverso un commento sull’evento, chiediamo ai partiti politici che voglio partecipare di non connotare la loro presenza attraverso i propri simboli elettorali.

*** langue française***

Contre la violence fasciste – raciste – sexisme
Solidarité avec les victimes de Macerata
Ce qui s’est passé à Macerata est intolérable. Nous pensons qu’une manifestation ou une marche est le minimum pour condamner ce qui s’est passé. Ce n’est pas le geste d’un fou, mais un acte déterminant du terrorisme fasciste. On doit se rassembler pour dire que c’est inacceptable. Nous sommes des êtres humains et nous sommes contre toutes sortes de fascismes de racisme et de sexisme. Nous restons humains ! Le 10 février, le collectif, les associations et les particuliers organiseront un événement à Macerata, nous voulons faire un appel et une réponse chorale . Aussi à la ville de Milan.

***lengua española***

Contra la violencia fascista-racista-sexista.
Solidaridad por las víctimas de Macerata.
Lo que ha sucedido es intolerable. Creemos que una marcha, una manifestación no solo es lo mínimo sino que es también debida, ya que urge condenar a gran voz los últimos sucesos. No se trata del gesto de un desequilibrado o de un loco. En realidad es un acto predeterminado del terrorismo fascista. Unámonos para decir que no estamos dispuestos a aceptarlo. Somos todos seres humanos y nos declaramos en contra de cualquier tipo de fascismo, racismo y sexismo.
Sigamos siendo humanos!
El de 10 febrero varios colectivos, asociaciones e individuos organizarán una manifestación en Macerata. Queremos convocar a una respuesta coral también a la ciudad de Milán.

Di seguito il testo dell’appello di Macerata di cui condividiamo i contenuti:

Inizia per F ma non è follia

Trattare quanto successo a Macerata come l’ennesimo caso di cronaca in cui un folle si fa “giustizia” da solo è parte integrante del clima politico, sociale e culturale che stiamo vivendo da anni.
Chi oggi ha sparato per le strade della città ha un profilo politico chiaro: candidato della Lega alle amministrative, tatuaggio che richiama a Terza Posizione in fronte, frequentazioni in vari ambienti di estrema destra, al momento dell’arresto ha fatto il saluto romano con il tricolore legato al collo. Si tratta chiaramente di un’azione di matrice fascista: un fascista ha sparato a persone indifese che passeggiavano.
Un’azione che non è un episodio isolato: da anni militanti di estrema destra nel nostro paese sparano e sono responsabili di gravissimi episodi di violenza contro migranti e non solo.
Quello di oggi è solo l’ultimo, e sicuramente anche il più grave, di una serie di fatti che hanno un’unica origine, che si colloca sulla scia di una serie di atteggiamenti solo apparentemente “innocui”, anche quotidiani, a cui ciascuno di noi è costretto ad assistere a Macerata come altrove.
Stupirsi di quanto accaduto fa parte dello stesso meccanismo di sdoganamento delle ideologie razziste che è in atto nei mezzi di informazione e nel dibattito politico. Se infatti la matrice è chiara anche le ragioni che portano a questi fatti lo sono: nel nostro paese è in atto un meccanismo che alimenta odio razziale a tutti i livelli, la politica ha enormi responsabilità, negarlo, ancora una volta, significa essere complici. E le responsabilità non sono da attribuire solamente a partiti come la Lega, Casa Pound o Forza Nuova che minimizzano o addirittura “rivendicano” e dimostrano solidarietà all’aggressore, ma anche a chi in questi anni ha legittimato queste organizzazioni in nome di una falsa democrazia, dando adito a chi strumentalizza una povera ragazza massacrata per giustificare un fascista che tenta una strage.
Parte dello stesso meccanismo è quello che in queste ore ha portato al completo disinteresse rispetto alle vittime.
Chi lotta tra la vita e la morte, a loro va il nostro primo pensiero, è stato completamente dimenticato e sembra caduto nel dimenticatoio mediatico e del semplicistico dibattito da social.
Ancora una volta le vere vittime sono escluse, private della parola e del racconto. Anche questo, forse soprattutto questo, è sintomo del razzismo dilagante.
Episodi come questi vanno combattuti nel quotidiano, in ogni ambito, non sono sufficienti purtroppo i dati e le statistiche che da soli basterebbero a dimostrare in maniera evidente come quello dell’immigrazione sia un dibattito completamente folle e drogato da un substrato razzista.
La risposta a questi gravissimi fatti deve essere immediata ma non dovrà esaurirsi nella comprensibilissima onda emotiva iniziale, la lotta contro fascismo e razzismo è azione quotidiana, è ricostruzione costante delle condizioni che ne determinano l’inagibilità fisica, politica e culturale nelle nostre città e nelle nostre piazze.

BISOGNA REAGIRE SUBITO CON FORZA E DETERMINAZIONE.
INVITIAMO TUTTI SABATO 10 FEBBRAIO A COSTRUIRE INSIEME UNA GRANDE MANIFESTAZIONE CAPACE DI DARE VOCE E CORPO COLLETTIVO AD UNA REALE OPPOSIZIONE AD OGNI FASCISMO E RAZZISMO.

Aderiscono:
Accesso cooperativa sociale
Adif, Associazione Diritti e Frontiere
ADMI – Associazione Donne Musulmane di Italia
ADRI – Associazione Donne Romene in Italia
Allah Loves Equality
Asia-Usb
Assemblea Dm auto-organizzati
Associazione Arcobaleno Onlus
Associazione NABAD Onlus (Spazio Mondi Migranti)
Associazione Parada
Associazione Senza Confini
Black Panthers
Cambio Passo
Cantiere
Casc
Checcoro
Circolo Metromondo di Milano
Collettivo Prisma LGBTI+
Comitato Abitanti di San Siro
Comitato per non dimenticare Abba e per fermare il razzismo
Como senza frontiere
Comunità Curda
Comunità Somala
Convergenza delle Culture Milano
Coordinamento dei Collettivi Studenteschi
Coordinamento lavoratori della scuola “3ottobre”
Coro Voci di Donne
Fundatia Parada – Bucarest
Hopeball
Il Partito della Rifondazione Comunista
I Sentinelli di Lodi
I Sentinelli di Milano
L’Altra Europa con Tsipras – Milano
La Rete Antifascista e Antirazzista dell’Alto Milanese
La scuola di Babele
Lambretta
Lavoratori della scuola auto-organizzati
LatoB
Lume
Macao
Memoria Antifascista
Milano Antifascista Antirazzista Meticcia e Solidale
Milano in movimento
Milano senza frontiere
Naga Onlus
NoWalls
Nuovo Armenia
Osservatorio Solidarietà – Carta di Milano
Potere Al Popolo – Milano
Resilient Gap
Rete della Conoscenza
Rete Scuole Senza Permesso
Revolución Ciudadana
Sinistra Classe Rivoluzione Milano
Sinistra per la Lombardia
SOS ERM – SOS Emergenza Rifugiati Milano
Spazio di Mutuo Soccorso
Stare al galla
UGEI – Unione Giovani Ebrei d’Italia
Women’s March – Milan
Zona 8 Solidale

Tweet about this on Twitter0Share on Facebook0Google+0Email to someone

related articles

logoretebianco La Rete della Conoscenza è il network nazionale dei soggetti in formazione. Vi aderiscono l'Unione degli Studenti e Link - Coordinamento Universitario.

CONTATTI