Puglia – Prossima fermata diritto alla mobilità per tutt*!

    0 Flares 0 Flares ×
    Tweet about this on Twitter0Share on Facebook0Google+0Email to someone

    A poco più di un anno dall’avvio della campagna Prossima Fermata, la Rete della Conoscenza Puglia ha finalmente protocollato una prima richiesta al consiglio regionale della Puglia, firmata dagli studenti ma anche da CGIL Puglia e Filt-Cgil Puglia.  

    Al termine di questa mobilitazione autunnale dal primo sciopero dell’alternanza scuola lavoro il 13 ottobre, gli Stati generali dello sfruttamento il 24 novembre, alle scuole che attualmente sono occupate o in auto-gestione in tutto il territorio, dopo sit-in, assemblee, cortei che in molti frangenti hanno vissuto del sostegno e della solidarietà reciproca tra studenti e lavoratori, c’è stata la volontà comune di chiedere alla Regione un impegno reale per abbattere i costi per gli spostamenti degli studenti, soprattutto i pendolari, ma anche per i giovani under 35, porzione di popolazione sappiamo essere a rischio povertà ed esclusione sociale in questo periodo storico.

    In contemporanea al consiglio regionale che deciderà la direzione delle politiche economiche per il prossimo anno in Puglia chiediamo risposte affermative e azioni concrete. Oggi presentiamo in conferenza stampa, presso una delle nostre sedi universitarie, le prime anticipazioni della nostra inchiesta agita in tutte le province pugliesi. 3000 studenti pendolari intervistati in poco più di due settimane, cifre sproporzionate che fotografano altissimi disagi e irregolarità che parlano chiaro: la raccolta dati continuerà e i pendolari chiedono dignità e riscatto.

    Per il 29,3% degli intervistati il costo degli abbonamenti incide mediamente sul bilancio familiare mentre per il 12,9 %  i costi sono quasi insostenibili. L’82,4%  degli studenti ritiene che i costi non siano adeguati al servizio offerto, il 53,1 % dichiara che la propria scuola o la propria università non mette in campo misure di tutela e di sostegno per la propria condizione di pendolare.

    In continuità con le misure già annunciate dalla Regione chiediamo un’attenzione particolare alla condizione materiale in cui viaggiano migliaia di giovani pugliesi, i quali per l’85,4 % denunciano mezzi fatiscenti mentre l’83 % viaggia in piedi negli orari di punta (ingresso e uscita dai luoghi della formazione) perché gli autobus e i treni sono sovraffollati.  Tali disservizi producono conseguenze gravi in termini di diritto allo studio e di diritto alla mobilità. Di fatti il  31,8 % racconta di ritardi da 10 a 20 minuti dei mezzi di trasporto extraurbano e il 56,3% degli intervistati ammette che tali ritardi hanno implicazioni sulla propria partecipazione alle lezioni. Il 55,7 % ci dice che la fascia oraria serale h. 22-24 non è coperta da frequenti corse extraurbane e questo preclude ai pendolari la possibilità di vivere a pieno nella città in cui studiano, non potendo partecipare ad iniziative culturali o non potendosi ritagliare momenti di socialità in assenza di un mezzo privato per poi tornare a casa. Gli studenti quindi restano alienati nella propria quotidianità sempre più tormentata da vari fattori, abbandonano gli spazi scolastici e universitari anche a causa di questo servizio che è sempre meno un diritto realmente applicato a tutti e tutte. Anche i dati sul trasporto pubblico urbano evidenziano situazioni di invivibilità per gli studenti:anche lì ritardi e poche corse nella fascia serale secondo il 41,3 % dei pendolari. Siamo pronti ad agire anche nelle città e nei piccoli comuni.

    Il diritto alla mobilità va finanziato e già il TU per i trasporti (L.R. n.18/2002) prevede agevolazioni tariffarie per specifiche categorie e un’agevolazione del 10% su tutti gli abbonamenti. Sulla scia di esperienze virtuose già attivate in altre regioni (es. Lazio, Campania) riteniamo indispensabile alzare il sostegno economico al 30% della tariffa abbonamento per agire con incisività ed immediatezza sul fenomeno sempre più crescente in regione delle marginalità sociali, delle migrazioni dei giovani al nord, dei neet che sono aumentati del 31% in un anno (2016). Sarebbe possibile attingere risorse anche dai fondi europei.
    Per questo chiediamo al Consiglio Regionale, ai Consiglieri tutti, che nella delibera regionale in materia di Legge di Bilancio 2018 si introduca una revisione delle agevolazioni tariffarie concesse sui servizi di trasporto pubblico locale, prevedendo un’agevolazione pari al 30% del costo dell’abbonamento mensile/annuale per tutti gli studenti pendolari, iscritti a scuole secondarie di secondo grado e università pugliesi e anche per i giovani residenti in Puglia da almeno sei mesi fino a 35 anni  di età e con un reddito ISEE fino a 30.000 €. Non ci fermeremo, è tempo di riscatto!

     

    Rete della Conoscenza Puglia
    Unione degli Studenti Puglia

    Tweet about this on Twitter0Share on Facebook0Google+0Email to someone
    logoretebianco La Rete della Conoscenza è il network nazionale dei soggetti in formazione. Vi aderiscono l'Unione degli Studenti e Link - Coordinamento Universitario.

    CONTATTI

    Privacy Policy