Udine – 10 Giugno: tutt* in piazza per la #GenderRevolution!

    0 Flares 0 Flares ×
    Tweet about this on Twitter0Share on Facebook0Google+0Email to someone

    10 Giugno, Italia, Udine: arriva l’Onda Pride!

    Una giornata storica per la città e la sua cittadinanza, così come per tutti/e coloro che dai diversi angoli del nordest si ritroveranno per riprenderne le strade, mettendo in prima fila i propri corpi, le proprie passioni e i propri desideri.

    Siamo studenti e studentesse delle scuole e delle università del Friuli Venezia Giulia e del Veneto, i/le giovani che quotidianamente animano le nostre città, una generazione di cui sempre si parla ma alla quale raramente si da voce.
    A Udine ci siamo riuniti nelle ultime settimane per confrontarci e discutere insieme del perché il 10 Giugno sia una tappa fondamentale per tutte e tutti noi, senza distinzioni di genere, orientamento sessuale, origine, età.

    Nel farlo non potevamo che partire dalla storia dei Pride, del movimento per i diritti LGBTQIA+, dalle ribellioni di Stonewall degli anni ‘60: anni di lotte che ci parlano di una battaglia che non si può recintare, che non è solo di alcuni ma piuttosto di tutte e tutti noi!

    Una battaglia per la dignità e l’autodeterminazione di tutte/i, per rivendicare il nostro diritto di scegliere liberamente sui nostri corpi, sulla nostra vita, sui territori che viviamo, contro qualsiasi potere violento e prevaricatore. Per dire questo sfileremo in maniera determinata per le vie di Udine, per intersecare le tante battaglie che portiamo avanti ogni giorno e lanciare il nostro grido.

    Un grido che parte dalle scuole e dalle università, perché da lì dobbiamo iniziare a cambiare questa società, attraverso l’educazione sessuale nelle scuole, sviluppando e coltivando  programmi di contrasto all’omotransfobia, al sessismo e al razzismo, contrastando la propaganda “anti-gender” e tutte le forme sotto cui si annida l’omofobia, facilitando l’accesso ai consultori pre gli studenti e le studentesse, garantendo una ricerca e una didattica libera e indipendente sugli studi di genere e i queer studies.NYCPride_March_2016_7

    Il grido di chi è in attesa della garanzia di reddito e welfare universale per liberarsi dal ricatto della precarietà e per garantire autonomia dal proprio nucleo familiare.
    Di chi ogni giorno si batte contro il sorgere di muri e frontiere, dei/lle nostri/e fratelli e sorelle migranti che rivendicano la libertà di movimento in questi tempi bui, nei quali xenofobia e razzismo la fanno da padroni.
    Un grido di opposizione ai decreti Minniti/Orlando, veri e propri attacchi alla dignità umana e alle milioni di voci contrarie che si alzano nel nostro paese contro chi specula sulle nostre vite e devasta i nostri territori.

    Lo stesso grido che l’8 Marzo ha invaso le piazze del nostro paese, per la liberazione dalla violenza di un sistema sociale e culturale profondamente patriarcale ed eteronormato.

    Per l’accoglienza, la libertà di movimento, la libertà di essere e di amare, una vera educazione alle differenze, il diritto alla salute di tutte e tutti, la possibilità di decidere sul nostro presente e sul nostro futuro senza dover cedere ai ricatti.

    A partire da queste semplici rivendicazioni vogliamo costruire la nostra presenza il 10 Giugno, una giornata di intersezione  delle nostre tante soggettività e battaglie. Facciamo quindi appello ai singoli e alle singole, alle realtà sociali e ai collettivi presenti nelle nostre città per costruire un grande spezzone, aperto e non identitario, che con determinazione faccia vivere su quelle strade una battaglia generale per la dignità e l’autodeterminazione di tutt*!

    Tweet about this on Twitter0Share on Facebook0Google+0Email to someone

    related articles

    logoretebianco La Rete della Conoscenza è il network nazionale dei soggetti in formazione. Vi aderiscono l'Unione degli Studenti e Link - Coordinamento Universitario.

    CONTATTI

    Privacy Policy