Deleghe “Buona Scuola” – Studenti pronti a mobilitarsi!

    0 Flares 0 Flares ×
    Tweet about this on Twitter0Share on Facebook0Google+0Email to someone

    buona-scuola-siamo-noi-600x350

    Buona Scuola, resi pubblici testi delle deleghe. Rete della conoscenza: esami di stato, diritto allo studio, apprendistato, accesso all’insegnamento. Studenti pronti a mobilitarsi contro il Governo!

    Resi pubblici i testi delle deleghe della Buona Scuola. Ancora assente una legge nazionale sul diritto allo studio: gli studenti non sono stati ascoltati. Unico elemento positivo l’introduzione della media del 6 per l’ammissione all’esame di stato, proibitive però le norme che introducono le INVALSI come criterio di ammissione all’esame e accesso all’università.  Apprendistato dal secondo anno delle scuole secondarie superiori, nuova forma di sfruttamento. Studenti pronti ad azioni di protesta nelle scuole.

    Nonostante il voto del 4 dicembre abbia espresso una domanda democratica, le nostre richieste rimangono inascoltate. Il governo Gentiloni sta agendo in piena continuità con il governo Renzi, la direzione intrapresa non rispecchia affatto quello che gli studenti chiedono da anni.

    Ancora una volta assente la legge nazionale per il diritto allo studio. Le norme introdotte nella delega non agevolano l’inclusione reale degli studenti. I cambiamenti sull’esame di stato sono fumo negli occhi, l’unico elemento positivo è la media del 6 per l’ammissione alla prova di maturità. Riteniamo tuttavia assurdo il criterio dell’alternanza scuola- lavoro e dell’INVALSI. Inoltre è anticipato l’apprendistato per gli studenti di 15 anni al secondo anno delle scuole secondarie superiori, più sfruttamento e meno formazione. Pretendiamo il ritiro della Buona Scuola, vogliamo essere ascoltati subito!

    Inoltre sono ormai migliaia i neolaureati che aspettano di accedere all’insegnamento, la delega sull’accesso all’insegnamento non è però finanziata, ecco perché il governo prevede l’entrata in vigore del nuovo sistema del concorso-corso solo nel 2020. La scelta di attivare il concorso corso nel 2020 è da irresponsabili. E’ necessario avviare il nuovo sistema già dal 2017, oppure, in via transitoria, attivare nel 2017 un ciclo di TFA, attribuendogli valore concorsuale e garantendo a tutti i tieffini l’accesso ai benefici del diritto allo studio.

    RETE DELLA CONOSCENZA

    UNIONE DEGLI STUDENTI

    LINK – COORDINAMENTO UNIVERSITARIO

    N.B. Entro la prossima settimana sarà disponibile sui nostri siti un commento tecnico delega per delega

    Tweet about this on Twitter0Share on Facebook0Google+0Email to someone

    related articles

    logoretebianco La Rete della Conoscenza è il network nazionale dei soggetti in formazione. Vi aderiscono l'Unione degli Studenti e Link - Coordinamento Universitario.

    CONTATTI

    Privacy Policy