I nuovi schiavi lavorano a voucher

    0 Flares 0 Flares ×
    Tweet about this on Twitter0Share on Facebook0Google+0Email to someone

    Pubblichiamo di seguito un’intervista di Alessandro Gilioli a Anna Zilli, docente dell’UniUd, pubblicata sul blog Piovono Rane.

    Schermata 2016-03-07 alle 10.47.14

    Schermata 2016-03-07 alle 10.47.40

    Anna Zilli, docente di Diritto del Lavoro all’università di Udine, ha lavorato a diverse ricerche sull’uso dei voucher in Italia, di cui l’ultima apparsa nella pubblicazione “Lavorare per voucher dopo il Jobs Act” (Uniud 2015). Dalle pubblicazioni a cui ha collaborato provengono anche le tabelle qui sopra, elaborazioni su dati Cnel e Inps a cura della dottoressa Alida Cimarosti.

    I voucher, per chi non lo sapesse, sono dei “buoni” che si possono acquistare anche dal tabaccaio con cui pagare “one shot” forza lavoro di diverso tipo, che così guadagna 7,5 euro all’ora. Il lavoro a voucher non prevede alcuna forma di welfare (ferie, malattia, gravidanza etc) ed è in larghissima espansione in Italia: lavoro liquido e super precario, sostanzialmente braccia e cervelli in affitto, all’ora, usa-e-getta. Pochissimo presente sulle prime pagine dei giornali, il fenomeno dei voucher è poco frequentato anche dalla politica, compresa quella parte che per sua missione dovrebbe battersi per l’emancipazione di chi abita nei gradini più bassi e calpestati della piramide sociale (qui l’inchiesta di Fabrizio Gatti).

    Quella che segue è un’intervista in merito alla ricercatrice Anna Zilli, che ringrazio.

    Il voucher era nato per regolarizzare pochi lavori occasionali. Ora è diventato uno strumento di massa. Cosa è successo?
    «Basta mantenerne il nome ma cambiarne la funzione. Il voucher del 2003 (poi entrato in funzione nel 2008) era uno strumento utile, facile da usare e che per la sua semplicità si prestava benissimo come mezzo per pagare poche prestazioni marginali (e cioè lavoretti che sarebbero stati svolti in nero da soggetti altrimenti impegnati). Anno dopo anno, se ne è tenuta l’etichetta ma si sono eliminati i limiti (per soggetti e attività)».

    Ma ha funzionato di più per far emergere situazioni di illegalità, come nei propositi dei governi che l’hanno voluto, o per creare un nuovo mercato?
    «La formulazione originaria aveva una filosofia “di emersione” esplicita e molto chiara: piccoli lavori marginali, appunto, che diventa più facile e più sicuro svolgere in regola. Ma alla lunga, annacquandone i limiti, il risultato è un travaso dal lavoro “standard”, con i suoi costi diretti (primo fra tutti, la previdenza) e indiretti (malattia, maternità, ferie), verso mere prestazioni di lavoro, che costano  pochissimo, anche perché il valore del voucher è lo stesso dal 2004. Così oggi i settori di maggior impiego del voucher sono il commercio (18,0 per cento), il turismo (13,7) e i servizi (13), mentre solo il 6 per cento ormai è venduto nel settore agricolo e appena il 3 per cento nei servizi domestici, le tipologie per cui era nato e che, in termini assoluti, si mantengono costanti».

    Il Jobs Act ha cambiato i voucher?

    «Con il Jobs Act si sono ampliati i margini: oggi si può lavorare per voucher, in ogni settore, anche nella pubblica amministrazione, e fino a 7.000 euro netti all’anno. I meccanismi di controllo previsti non sono ancora operativi e ci si attende che l’osservatorio Inps – Ministero del lavoro diventi operativo da giugno. Si tratta della forma di lavoro più flessibile e meno costosa, al riparo dalle possibili ispezioni».

    Il boom dei voucher è “a tetto” o che, al contrario, è solo all’inizio?
    «Se non si interviene, il travaso da lavoro “standard” verso le “mere prestazioni” sarà sempre più imponente, soprattutto quando, tra due anni, vedremo presumibilmente diminuire lo sgravio sui contratti “a tutele crescenti”».

    Esiste ormai un “popolo dei voucher”?

    «Sì, esiste, i dati parlano chiaro.  Nel 2014 era già composto da un milione di persone, di anno in anno più giovani (nel 2008 l’età media era 60 anni, oggi è 36) e sempre più sono donne (dal 2014 oltre il 50%). E da popolo “del nord – est”, nato per le vendemmie, il popolo dei voucher è oggi esploso al sud e nelle isole».

    Quali diritti bisognerebbe dare al “popolo dei voucher”?
    «Intanto c’è un problema di  “lavoro grigio”: è facilissimo impiegare un lavoratore in modo continuativo ma far emergere solo un’ora – un voucher di lavoro, da esibire in caso di infortunio o di ispezione. Infatti, non è necessario specificare quando si userà il voucher, ma solo l’arco di tempo (30 giorni) di “presunto” utilizzo. Un costume che va contrastato con la tracciabilità e con la riduzione dei tempi di validità dei voucher. Più in generale, il popolo dei voucher deve essere garantito rispetto ai diritti minimi di cittadinanza del mondo del lavoro: tutela in caso di malattia, gravidanza e maternità, oltre che alla possibilità di accedere a trattamento di sostegno al reddito. Il costo di queste tutele potrebbe essere coperto con un “maxi – voucher” (il primo del rapporto). Ed è un intervento urgente, prima che la forza dei numeri dica la sua».

    Tweet about this on Twitter0Share on Facebook0Google+0Email to someone

    related articles

    logoretebianco La Rete della Conoscenza è il network nazionale dei soggetti in formazione. Vi aderiscono l'Unione degli Studenti e Link - Coordinamento Universitario.

    CONTATTI

    Privacy Policy