[Bologna] 6-7-8 ottobre: tornano le Giornate dell’Altra Economia

    58 Flares 58 Flares ×
    Tweet about this on Twitter0Share on Facebook0Google+0Email to someone

    12038938_615736555235470_4472511198203777114_o

    A Bologna tornano le Giornate dell’Altra Economia. Si svolgeranno il 6, 7 e 8 ottobre nella Scuola di Economia, Management e Statistica dell’Unibo. Abbiamo deciso di portare avanti il percorso inaugurato già dalla prima edizione del maggio 2014, ampliando il programma di incontri attraverso dei workshop serali e aperitivi sociali.

    Le Giornate dell’Altra Economia sono una sperimentazione di discussione dei temi economici che intende deragliare il metodo e i punti di vista dalla tradizione accademica della Scuola. Abbiamo deciso di coinvolgere docenti, ricercatori, attori politici e attivisti che hanno uno sguardo diametralmente opposto sui temi di attualità rispetto alla discussione mainstream che leggiamo sui giornali e ascoltiamo durante le nostre lezioni. I temi della scorsa edizione (eterodossia della ricerca economica, euro ed Europa, disuguaglianze sociali) dunque rimangono accompagnati da nuove domande. Quest’anno abbiamo deciso infatti di affrontare nuovi temi, tra i quali il rapporto tra l’università e il mercato del lavoro, andando a delineare il drammatico quadro sia della condizione in cui versano i nostri Atenei divenuti sempre più costosi e succubi delle logiche aziendali, sia del mercato del lavoro che negli ultimi anni ha visto la disoccupazione giovanile schizzare e rimanere stabile intorno al 40%, moltiplicarsi i contratti precari e aumentare a dismisura la fuga all’estero in cerca di un lavoro pagato decentemente.

    Inoltre affronteremo il tema del reddito e della riforma complessiva del welfare che si sta discutendo in Parlamento. Inquadrare al meglio le proposte in campo e le loro differenze politiche fondamentali risulta determinante per comprendere il dibattito che c’è in Italia e relazionare questo dibattito rispetto ai vari strumenti di welfare in campo in Europa. Ed è proprio di Europa che è necessario parlare, un tema di attualità che troppo spesso viene considerato come secondario. Le contraddizioni tra l’Europa politica e l’Europa economica sono diventate costituzione materiale della libertà di circolazione dei capitali e della contemporanea negazione  della libertà di circolazione delle persone. Il drammatico caso greco e l’attualissimo arrivo dei migranti da più parti dei confini europei rappresentano i perni di una discussione che intende inquadrare la nostra prospettiva sull’Unione Europea e le politiche di austerity comprendendo quanto un’alternativa sia praticabile a partire dai punti fondamentali di ragionamento che ci diamo.

    Abbiamo intenzione di affrontare questi temi non solo da una prospettiva economica ma anche da quelle sociali e politiche in quanto riteniamo che la scienza economica sia una scienza sociale, che deve essere verificata oltre che sui modelli teorici anche sotto la lente dei processi storici. Le Giornate dell’Altra Economia sono tornate perché oggi non solo abbiamo bisogno di un nuovo modo di insegnare l’economia ma perché abbiamo il bisogno di ridefinire sempre meglio quale sia il ruolo della componente studentesca nella società, come oggi si esercita realmente la democrazia, perché le disuguaglianze economiche e sociali debbano essere appianate. E’ attraverso queste domande che dopo le Giornate dell’Altra Economia intendiamo partecipare alle mobilitazioni studentesche del 9 ottobre e alla settimana di attivazione che arriverà al 17 ottobre, giornata mondiale per l’eradicazione della povertà.

    Link Bologna

    Tweet about this on Twitter0Share on Facebook0Google+0Email to someone

    related articles

    logoretebianco La Rete della Conoscenza è il network nazionale dei soggetti in formazione. Vi aderiscono l'Unione degli Studenti e Link - Coordinamento Universitario.

    CONTATTI

    Privacy Policy