Lettera degli studenti brindisini ai Ministri Profumo e Riccardi

    0 Flares 0 Flares ×
    Tweet about this on Twitter0Share on Facebook0Google+0Email to someone

    Pubblichiamo di seguito la lettera scritta dagli studenti di Brindisi ai Ministri Profumo e Riccardi.

     

    Egregi Ministri,

    riteniamo necessario scrivervi per mettervi al corrente di quanto si sta discutendo in queste ore tra gli studenti di Brindisi. Abbiamo voluto rispondere alle bombe con l’unità, con una nuova presa di coscienza collettiva, inedita nella nostra provincia. Abbiamo cominciato a discutere ed associarci più di prima, sentendo fortemente la necessità di un nuovo protagonismo studentesco finalizzato al cambiamento culturale ed alla riqualificazione della scuola e del nostro territorio. Abbiamo cominciato una campagna culturale forte a favore della legalità promossa dal basso, della democrazia e della partecipazione.

    Riteniamo che per combattere la violenza e l’individualismo che in questo momento storico e sociale attanagliano la società, non si può far altro che far partire dalle scuole un processo di cittadinanza che si apra alle città, sviluppando le coscienza critiche per renderci in grado di comprendere, partecipare e scegliere.

    Per farlo necessitiamo di nuovi strumenti che ci permettano di vivere la scuola in modo diverso. Nelle pagine dell’ “instant book” scritto poche ore dopo la tragedia, infatti, emerge nella maggiorparte dei messaggi la contrapposizione tra la negatività rappresentata dalle bombe e la positività della “solita giornata di scuola noiosa”. Ora che ci siamo resi conto che nulla deve essere dato per scontato, nemmeno l’andare a scuola, non possiamo più accettare che la scuola sia espressione di noia e non di vitalità, perché è con essa che vogliamo rispondere a questo attacco. Abbiamo rinnovato un senso di appartenenza alla scuola forse mai provato prima, tale che non possiamo più assistere con indifferenza agli incontri promossi nelle nostre scuole dall’alto, non possiamo più accettare di vivere con distacco e da esterni i momenti assembleari e di scelta, non possiamo più ascoltare le lezioni senza che nulla ci rimanga, ma vogliamo riempire i nostri spazi con le nostre idee e la nostra voglia di fare. Siamo pronti alla responsabilità della cittadinanza, di costruire ed essere società, vivere attivamente il presente a cominciare dalle scuole.

    Riteniamo necessario quindi avere maggiori strumenti per sentire la scuola a nostra misura, poter collaborare con i docenti alla scrittura del POF in commissioni paritetiche, rifinanziare e potenziare il DPR 567 per poter presentare progetti sulla legalità e sulla cittadinanza, tenere le scuole aperte, far sì che siano punto di riferimento per allontanare i giovani dalle strade e dalla criminalità. Infatti aprire le scuole in orari extrascolastici e aprire i già finanziati centri contro la dispersione scolastica, come abbiamo sperimentato la domenica dopo l’attentato, significa pensare una scuola che non sia più intesa come luogo obbligato per lo studio mattutino, ma uno spazio vissuto realmente dagli studenti, con la possibilità di esprimersi, aggregarsi, promuovere incontri, creare spazi sani di partecipazione e dibattito, presidi di legalità nelle zone più a rischio.

    Occorre pensare ad un nuovo modo di fare progettazione per i giovani, dare loro la possibilità di proporre idee e progetti per il miglioramento del territorio da protagonisti, ripensare nuovi spazi di aggregazione e punti di riferimento del tutto assenti nel nostro territorio. Creare, riflettere, studiare, crescere insieme, esprimersi attraverso le proprie passioni, soprattutto se in spazi confiscati alla mafia, è un modo sano di vivere la democrazia e la partecipazione nella pratica, di essere educati a questi valori per il nostro presente ed il nostro futuro di cittadini e classe dirigente consapevole. Vogliamo poter partecipare al processo di miglioramento e rinnovamento di scuole e città, con un percorso che ci collega alla società civile, punta ad una ristrutturazione del tessuto sociale, ci insegna che ognuno di noi deve fare la sua parte ed essere portatore di valori nel quotidiano per far si che non accada mai più, che si cresca lontano da fenomeni criminali.

    Noi vogliamo fare la nostra parte,ecco perché quest’estate continueremo a discutere, incontrarci, creare e costruire. Questa lettera, per come l’abbiamo intesa, manifesta la nostra volontà di ristrutturazione di una scuola e di un territorio che amiamo, tuttavia siamo certi che il nostro processo di consapevolezza possa investire anche il paese intero.Attendiamo le vostre risposte pratiche, sperando di potervi rivedere presto a Brindisi e di non essere dimenticati.

    Distinti saluti,


    I rappresentanti delle scuole della Provincia di Brindisi,

    la Consulta Provinciale degli Studenti di Brindisi.

    Tweet about this on Twitter0Share on Facebook0Google+0Email to someone
    logoretebianco La Rete della Conoscenza è il network nazionale dei soggetti in formazione. Vi aderiscono l'Unione degli Studenti e Link - Coordinamento Universitario.

    CONTATTI

    Privacy Policy